Quando una protesi mammaria viene impiantata a seguito di un intervento di aumento o di ricostruzione del seno, il sistema immunitario del corpo la riconosce come un oggetto estraneo e la “avvolge”, formando una “capsula” di tessuto cicatriziale. La formazione di una capsula attorno a qualsiasi tipo di impianto (medico o cosmetico) è una parte normale del processo di guarigione del corpo.

Con le protesi mammarie, questo di solito è una buona cosa, poiché la capsula aiuta a mantenere le protesi mammarie in posizione, prevenendone lo spostamento.

In alcuni casi, la capsula che si forma attorno all’impianto può diventare dura e contrarsi, provocando una complicanza nota come fibrosi capsulare o contrattura capsulare.

Con un’incidenza complessiva di oltre il 10% per i diversi tipi di protesi considerati collettivamente, la contrattura capsulare è la complicanza più comune dopo un intervento chirurgico al seno con protesi ed è uno dei motivi più comuni di reintervento.

Segni e sintomi

Si ritiene che la contrattura capsulare sia una reazione infiammatoria che provoca fibrosi attraverso la produzione di collagene, portando infine a un seno duro e, in alcuni casi, a dolore.

La contrattura capsulare è classificata in quattro gradi in base alla loro gravità:

  • Grado Baker I: è la capsula naturale che si forma attorno ad un corpo estraneo; non mostra effetti negativi.
  • Grado Baker II: la capsula diventa più compatta e palpabile.
  • Grado Baker III: la capsula non solo è chiaramente palpabile ma anche visibile sotto la pelle e gli impianti iniziano a deformarsi.
  • Grado Baker IV: La contrattura e la deformazione capsulare diventano ancora più evidenti. Inoltre, si sviluppa dolore.

I gradi Baker III e IV della contrattura capsulare sono considerati clinicamente rilevanti e richiedono un nuovo intervento.

Trattamento

Recenti studi si sono concentrati in primo luogo sulla prevenzione della contrattura capsulare.

Una procedura medica non è mai priva di rischi, ma le possibilità di contrattura capsulare possono essere notevolmente ridotte scegliendo la protesi giusta e il corretto posizionamento dell’impianto.

Una volta che la contrattura capsulare si è già verificata ed è sintomatica, viene solitamente gestita chirurgicamente, con una procedura chiamata capsulectomia o capsulotomia.

La capsulotomia è l’interruzione chirurgica della capsula che determina l’allentamento della costrizione sulla protesi.

La capsulectomia è la rimozione chirurgica della capsula. Durante questa procedura, la protesi mammaria viene rimossa e, se la paziente lo desidera, può essere sostituita.

Bibliografia:

https://www.plasticsurgery.org/news/blog/what-is-capsular-contracture-and-how-can-it-be-treated/

Bachour, Y. Capsular Contracture in Breast Implant Surgery: Where Are We Now and Where Are We Going?. Aesth Plast Surg 45, 1328–1337 (2021). https://doi.org/10.1007/s00266-021-02141-6

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4579163/

Headon H, Kasem A, Mokbel K. Capsular Contracture after Breast Augmentation: An Update for Clinical Practice. Arch Plast Surg. 2015 Sep;42(5):532-43. doi: 10.5999/aps.2015.42.5.532. Epub 2015 Sep 15. PMID: 26430623; PMCID: PMC4579163.

Baker JL (1978) Augmentation mammoplasty. In: Owsley JQ, Peterson RA (eds) Symposium on aesthetic surgery of the breast. Mosby, St Louis, p 272

https://www.verywellhealth.com/capsulectomy-2710116

Handel, N., Cordray, T., Gutierrez, J., Jensen, J.A. (2006) A long-term study of outcomes, complications, and patient satisfaction with breast implants. PRS 117,757 et seq.;

Kjoller, K., Holmich, L.R., Jacobsen, P.H., Friis, S., Fryzek, J., McLaughlin, J.K., Lipworth, L., Henriksen, T.F., Jorgensen, S., Bittmann, S., Olsen, J.H. (2002) Epidemiological investigation of local complications after cosmetic breast implant surgery in Demark. Annals of Plastic Surgery 48(3), 229-237;

Malata, C.M., Feldberg, L., Coleman, D.J., Foo, I.T., Scarpe, D.T. (1997) Textured or smooth implants for breast augmentation? Three-year follow-up of a prospective randomised controlled trial. British Journal of Plastic Surgery 50(2), 99-105;

Tebbetts, J.B. (2001) A surgical perspective from two decades of breast augmentation. Clinics in Plastic Surgery 28(3), 425-434;

Young, V.L., Nemecek, J.R., Nemecek, D.A. (1994) The efficacy of breast augmentation: breast size increase, patient satisfaction, and psychological effects. Plast. Reconstr. Surg. 94, 958-969;

Hohlweg-Majert (1991) AWO-Jahrestagung, Baden-Baden; Spear, S.L., Mesbahi, A.N. (2007) Implant-based reconstruction. Clinics in Plastic Surgery.